Il furgone per il lavoro: noleggio, leasing o acquisto?

L’acquisto di un mezzo aziendale

Per un’azienda l’acquisto di un mezzo potrebbe presentare alcuni punti critici che vanno tenuti presenti. Anzitutto, si ha oggi un mezzo perfetto, nuovo e al top della gamma che in breve tempo perde il suo valore perciò non sarà più possibile recuperare la spesa sostenuta.  La svalutazione è il primo problema che si pone ma potrebbe essercene un altro se si deve chiedere un finanziamento alla banca per l’acquisto. La linea di credito verrebbe così bloccata e non ci sarebbe più la possibilità di chiedere finanziamenti per altri scopi. Inoltre, se le esigenze dovessero mutare, il mezzo non va più bene così com’è.

Come funziona il leasing

Un’altra idea potrebbe essere quella di un leasing del mezzo ma come funziona? Con il leasing si ha un mezzo nuovo senza dover lo pagare per intero ma per cui si devono poi pagare una serie di rate, di solito mensili.  La rata però non è onnicomprensiva e il mezzo deve esser assicurato e registrato correttamente a spese di chi ne fa richiesta. Anche la manutenzione e la revisione sono a carico del richiedente, il quale, alla fine del periodo di leasing, può decidere se restituire il mezzo oppure riscattarlo pagando una maxi rata finale.

Il noleggio di un furgone

Una soluzione davvero molto semplice e valida per chi ufa un uso saltuario del mezzo è il noleggiò del furgone. In questo caso, si dovrà pagare alla società dove noleggiare un furgone a Roma delle rate oppure anche in un’unica soluzione, in base a quanto accordato. Il costo del noleggio comprende tutto quanto: il furgone e tutte le spese sono già state sostenute – immatricolazione e bollo– . Inoltre, le altre spese come la revisione e la manutenzione sono a carico della società dove noleggiare un furgone a Roma e non di chi noleggia. Il costo è perciò sicuro, fisso e onnicomprensivo. Se le esigenze dovessero poi cambiare, per esempio servisse un mezzo più capitene, è facilissimo cambiare e prende un altro furgone.